Regolamento Poker

LE BASI E I PUNTI DEL POKER

IMPARARE A GIOCARE: LE REGOLE DI BASE DEL POKER

Per giocare a poker si usa un mazzo composto da 52 carte francesi, suddivise in 4 semi, due rossi e due neri: Cuori (in inglese Hearts), Quadri (Diamonds), Fiori (Clubs) e Picche (Spades). Ognuno dei semi ha 13 carte in sequenza dal 2 all’Asso, considerato la carta più alta del mazzo.

Lo scopo di ogni mano di poker è sempre quello di ottenere la migliore combinazione possibile di cinque carte e di aggiudicarsi l’insieme di tutte le chips puntate in una mano (il piatto).

Si può vincere una mano in 2 modi:

- Avendo la migliore combinazione di carte tra i giocatori rimasti in gioco fino alla fine della mano;

- Facendo una puntata che nessun altro giocatore è disponibile a vedere.

Lo scopo di una partita è quello di vincere più chips di tutti gli altri giocatori in una serie di mani.

Di seguito, riepiloghiamo i punti e le azioni comuni a tutte le varianti di Poker, per darvi la possibilità di approcciarvi al gioco.

Se intendete conoscere nel dettaglio le regole di una variante in particolare, consultate le pagine dedicate nella sezione "Regolamenti".

 

LE COMBINAZIONI

Elenchiamo qui le possibili combinazioni di 5 carte, in ordine di valore, dal più alto al più basso:

SCALA REALE (ROYAL FLUSH):

La Scala Reale è composta da cinque carte in sequenza dello stesso seme, che partono dal 10 e arrivano all’asso (10-J-Q-K-A).

 

SCALA COLORE (STRAIGHT FLUSH):

La Scala Colore, sempre composta da una sequenza di cinque carte dello stesso seme, si differenzia dalla Scala Reale per il fatto che la carta più alta non è l’Asso.

 

POKER (FOUR OF A KIND):

Il poker è composto da 4 carte di uguale valore; Nel caso più giocatori ottengano un poker, sarà determinante il valore della quinta carta (il "kicker") ai fini del punteggio.

 

FULL (FULL HOUSE):

Il Full è composto da un tris (tre carte dello stesso valore), più una coppia (due carte dello stesso valore).

Nel caso in cui si verifichino più full, vincerà quello col tris più alto e nel caso il tris sia uguale, si comparerà la coppia.

 

COLORE (FLUSH)

Il colore è composto da 5 carte dello stesso seme.

Nel caso si verifichino più colori, si compareranno i valori delle carte partendo da quelle più alte.

Nel caso in cui le prime più alte siano uguali, si confronteranno le seconde più alte e così via sino a definire il vincitore.

 

SCALA (STRAIGHT):

La Scala è composta da 5 carte in sequenza, come per la Scala Reale e la Scala Colore, ma si differenzia da queste ultime per il fatto che i semi delle carte non debbono essere tutti uguali.

 

TRIS (THREE OF A KIND)

Il tris è composto da tre carte del medesimo valore.

Nel caso in cui si abbiano più tris uguali, si andranno a comparare le quarte carte più alte e, nel caso di parità, si compareranno le quinte carte.

 

DOPPIA COPPIA (TWO PAIR)

La doppia coppia è composta da due coppie di carte del medesimo valore.

Nel caso in cui si dovessero avere più doppie coppie, si andranno a comparare le coppie più alte; quindi in caso di uguaglianza, si confronteranno le seconde coppie e se anche queste ultime risultassero uguali, si confronteranno le quinte carte ("kicker").

 

COPPIA (ONE PAIR)

La coppia è composta da 2 carte dello stesso valore.

Nel caso le coppie siano uguali, si andranno a confrontare i valori delle carte spaiate: la carta ("kicker") più alta determinerà il vincitore della mano.

 

CARTA PIÙ ALTA (HIGHER CARD)

Nel caso in cui nessuno dei concorrenti rimasti in gioco abbia ottenuto uno dei punteggi precedenti, allora si andranno a comparare i valori delle singole carte partendo da quelle più alte e, nel caso di parità, da quelle successive. Il meccanismo è sempre lo stesso.

 

AZIONI DI GIOCO

Ecco quali sono le possibili azioni:

 

BUSSARE ( CHECK )

Il giocatore prosegue il gioco senza alzare l’importo del piatto.

PUNTARE ( BET )

Il giocatore decide di puntare una parte o tutte le sue chips.

(Nota: la puntata minima e massima dipendono dalla fase e dalla struttura delle puntate)

RILANCIARE ( RAISE )

Il giocatore decide di puntare ulteriori chips in aggiunta a quelle già puntate da uno o più giocatori; il primo rilancio, per essere considerato tale, deve essere almeno il doppio della puntata precedente. I rilanci successivi devono essere almeno pari al doppio dell’ultimo rilancio meno l’importo del rilancio o della puntata precedente.

Ad esempio: il giocatore A punta 200, il giocatore B rilancia fino a 500; il rilancio successivo dovrà essere almeno pari a 800 (1.000 - 200).

Nota: quando un giocatore punta tutte le sue chips - ovvero manda l'all-in - per rilanciare su un avversario, ma tali chips non raggiungono il doppio della puntata precedente (o il valore minimo previsto per il rilancio), le azioni dei giocatori che hanno già parlato sono limitate al chiamare (call) o al lasciare (fold). I giocatori che non hanno ancora parlato, ovvero quelli che si trovano tra colui che manda l’all-in e il bottone, possono chiamare o lasciare, ma anche rilanciare (raise). Solo un eventuale ulteriore rilancio da parte di un giocatore successivo, rinnoverà le opzioni per i giocatori che avevano già parlato (ad eccezione di chi è già in all-in).

VEDERE ( CALL )

Il giocatore decide di accettare la posta.

LASCIARE ( FOLD )

Il giocatore decide di abbandonare la mano.


LE PUNTATE

STRUTTURA DELLE PUNTATE

La quantità di chips che i giocatori possono puntare in ogni fase di gioco dipende dalla struttura delle puntate della partita.

Le possibili strutture delle puntate sono:

No limit: nel gioco no-limit ogni giocatore se vuole può puntare tutte le sue chip ogni volta che è il suo turno di agire;

Pot limit: nel gioco pot-limit il giocatore può puntare al massimo l’importo del piatto (pot) ogni volta che è il suo turno di agire. Il rilancio del piatto viene calcolato considerando tutte le chips puntate fino a quel momento compreso il call del giocatore vuole effettuare il “raise pot”. Ad esempio: se il Piccolo Buio è 50 e il Grande Buio è 100, il rilancio del piatto è pari a 350 (call 100 + 250 del piatto dopo il call).

Limit (o fixed limit): nel gioco limit le puntate e i rilanci assumono valori prefissati e non possono essere scelti a piacere. Ad esempio: se in un tavolo si gioca Limit 10-20, vuol dire che i primi due giri di puntate andranno di 10 in 10 e i due seguenti di 20 in 20. Dunque nei primi due giri la prima puntata è 10 (e infatti il Big Blind sarà pari proprio a 10) e poi ci possono essere un massimo di tre rilanci, tutti ancora pari a 10, cioè 10-20-30-40 e poi basta. Nel terzo e quarto giro la prima puntata è 20 e poi ci possono essere un massimo di tre rilanci, tutti ancora pari a 20, cioè 20-40-60-80 e poi basta. Fa eccezione se rimangono in gioco solo 2 giocatori: in questo caso i rilanci possono continuare indefinitamente, ma sempre di 10 in 10 prima e di 20 in 20 poi.

SVOLGIMENTO DELLA MANO

Prima di iniziare il gioco viene decisa, in modo casuale, la posizione del "bottone", che sta ad indicare il mazziere (Dealer), cioè l'ultimo giocatore a cui verranno distribuite le carte nella prima mano. Il bottone ruota in senso orario ogni mano, passando così di volta in volta al giocatore alla sinistra di quello che lo aveva nella mano precedente.

Alcune varianti di poker prevedono che ci sia durante ogni mano la distribuzione delle sole carte private ai giocatori; altre varianti (tra cui il Texas Hold’em) prevedono la distribuzione di carte private (hole cards) ai giocatori e di carte comuni (community cards) che tutti i giocatori possono utilizzare per formare la migliore combinazione possibile.

Nelle varianti di poker che prevedono le community cards sono previste, oltre alle normali azioni di gioco, delle puntate obbligatorie, ovvero il Piccolo Buio (Small Blind), il Grande Buio (Big Blind) e, in alcuni casi, l’Ante. I valori di queste puntate obbligatorie sono sempre indicati sul tavolo e sulla lobby.

Il giocatore alla sinistra del bottone paga il piccolo buio (SB), il giocatore immediatamente successivo paga il grande buio (BB). L’ante (quando previsto) viene pagato da tutti i giocatori al tavolo.

E' bene notare che, nel caso in cui ci siano solo 2 giocatori al tavolo il giocatore che è di turno come dealer pagherà il piccolo buio (SB), l’altro invece pagherà il grande buio (BB).

Una volta assegnato il bottone ed effettuale le puntate obbligatorie previste, vengono distribuite le carte comuni, una alla volta a partire dal primo giocatore a sinistra del mazziere, dopodichè inizia la prima fase di puntate.

Nella prima fase di puntate (fase Pre-Flop), il primo giocatore ad agire è il primo alla sinistra del Grande Buio e i giocatori che hanno messo il Piccolo e Grande Buio, saranno gli ultimi a parlare. In assenza di rilanci il giocatore di Piccolo Buio per restare in gioco dovrà pareggiare il Grande Buio mentre il giocatore di Grande Buio si potrà limitare a vedere la puntata corrente. Nel caso ci siano stati rilanci, per restare in gioco i giocatori dovranno pareggiare la puntata corrente oppure contro-rilanciare.

Ultimato la prima fase di puntate, il software scarterà la prima carta del mazzo quindi posizionerà al centro del tavolo 3 carte comuni (Flop)

Da questo momento in poi, all’inizio di ogni fase di gioco, il primo giocatore a parlare sarà quello posizionato alla sinistra del mazziere e si procederà al secondo turno di puntate.

Come per la fase precedente, anche nella fase dopo il Flop la puntata minima corrisponde al Grande Buio.

Ultimate le puntate dopo il Flop, il software scarterà la prima carta del mazzo quindi posizionerà al centro del tavolo la 4ª carta comune (Turn) e si procederà alle puntate.

Ultimate le puntate dopo il Turn, il software scarterà la prima carta del mazzo, quindi posizionerà al centro del tavolo la 5ª e ultima carta comune (River) e si procederà all’ultimo giro di puntate.

SHOW-DOWN E DETERMINAZIONE DEL VINCITORE

Quando si sono concluse tutte le puntate, si arriva allo show-down (ovvero i players in gioco mostrano le proprie hole cards) e alla determinazione del vincitore del piatto.

Vince colui che ha realizzato la migliore combinazione possibile di 5 carte.

LE CARTE DEI VINCITORI VENGONO MOSTRATE NEL SEGUENTE MODO:

Nel caso in cui, a causa di una divisione per All-in, vi fossero più piatti, vengono mostrate le vincite a partire dall'ultimo piatto creato;

per ciascun piatto si parte dall'ultimo giocatore che aveva effettuato un rilancio che è stato coperto (visto) dagli altri, e si mostrano le sue carte;

proseguendo in senso orario vengono processati i giocatori successivi;

ad ognuno di questi vengono applicati i seguenti criteri per mostrare o gettare le loro carte;

se un giocatore batte o pareggia la combinazione del giocatore che correntemente risulta possedere la combinazione vincente, girerà automaticamente le carte;

se il giocatore non batte la combinazione migliore presente in quel momento sul tavolo, può scegliere di mostrare o gettare le carte a sua discrezione (entro un tempo variabile tra i 3 e i 6 secondi).

Naturalmente, durante le varie fasi di gioco, se i giocatori decidono di non coprire l’ultimo rilancio di un concorrente, la mano termina senza che vengano mostrate le hole cards del vincitore.

Alla fine della mano, il gioco ricomincia e diventerà mazziere il giocatore alla sinistra del mazziere corrente.

Nel caso in cui 2 o più giocatori ottengano lo stesso punteggio, il piatto sarà diviso in egual modo tra di essi.

Se la divisione del piatto porta ad un resto, questo viene dato al giocatore che ha vinto più vicino, in senso orario, alla posizione di mazziere.